Sole, mare e… scottature!

Buon inizio luglio a tutti!

Si sa: fino a quando non arriva luglio, non ci sentiamo realmente in estate. Adesso è arrivato e, con lui, anche il periodo più difficile per la nostra pelle. Proprio per questo, oggi vi voglio parlare di tante piccole attenzioni che possono aiutarci a combattere le “insidie” del sole.

Innanzitutto, non illudetevi che basterà spalmare sul vostro corpo la protezione 50 alle 14:00, giusto per prevenire le insolazioni. Infatti, i danni del sole possono essere molti e a tutte le ore. Per essere davvero al sicuro, dobbiamo attuare un’opera di precauzione costante.

Cominciamo dalla nostra parte del corpo più delicata: il viso. Secondo me, data la sua sensibilità, non andrebbe mai applicata una protezione inferiore a 30, quando siamo a mare e, dunque, direttamente esposte al sole. Esistono dei praticissimi stick, studiati esclusivamente per il viso. Tra l’altro, ho ordinato da poco uno stick per labbra, orecchie e naso dall’Avon, a protezione 30. Quest’anno voglio essere protettissima! 😀 Come protezione per le altre zone del viso, io utilizzo questo stick della Collistar, protezione 50.

IMG-20160617-WA0003

Ve lo consiglio vivamente, perché è praticissimo e vi salva in tutto e per tutto dalle scottature. Io non potrei vivere senza! Ogni anno ne acquisto uno e mi dura regolarmente per tutta l’estate.

Questo, naturalmente, per quanto riguarda l’esposizione diretta al sole. Nelle restanti ore della giornata, sebbene i raggi del sole sembrino innocui quando andiamo a fare la spesa o a bere un caffè, è sempre opportuno proteggersi con una crema per il viso da giorno, con protezione almeno 15-20.

Passiamo alla protezione del corpo. Sfatiamo un mito: la protezione NON impedisce l’abbronzatura, semmai la rende più omogenea, sana ed evita che la pelle si secchi, formando, subito dopo, le cosiddette “spellature”.

Per quanto riguarda l’esposizione diretta ai raggi solari, in base al tipo di pelle che avete, consiglio diverse soluzioni:

  • pelle chiara, sensibile alle scottature: non si transige, meglio prevenire con una protezione 50 costante, anche quando i raggi del sole sembrano più deboli;
  • pelle più colorita e resistente alle scottature: in questo caso consiglio di munirsi di una protezione 30 e di una 50. La protezione 30 va applicata dalle 08:00 alle 10:30 e dalle 16:30 in poi circa, quella 50 nelle restanti ore della giornata.

Io quest’anno ho optato per una protezione biologica della mia marca preferita, ovvero l’Omia, all’olio d’Argan.

Naturalmente, il corpo, dopo essersi esposto al sole, ha bisogno di tanta idratazione. Per questo consiglio di idratarlo con costanza, almeno due volte al giorno, con una crema idratante appropriata. Attenzione a non sostituire la crema idratante con una profumata, perché l’effetto non è sicuramente lo stesso. In questo modo, il vostro colorito sarà omogeneo ed eviterete le classiche spellature orribili.

Prima di passare alla protezione della testa, vorrei farvi un appunto. Avete presente quando si va a mare e, improvvisamente, il tempo si fa nuvoloso e/o ventoso? Bene. In quei casi la frase ricorrente è: “No, non mi metto la protezione, perché tanto…” No. Proprio no. Non pensate che il sole faccia danni solo quando lo vedete o solo quando sentite caldo. Il sole danneggia la pelle, se non protetta, anche quando il cielo è nuvoloso o tira un lieve venticello che vi fa stare più “freschi”.

Nelle ore più calde, bisognerebbe proteggere anche la testa. Se volete stare una giornata intera al mare, munitevi di ombrellone. Onde evitare malesseri, bagnate di tanto in tanto il capo e proteggetelo con un cappello. Ne trovate di carinissimi in questo periodo! Un bel cappello di paglia è l’essenziale per l’estate.

Dopo questa pantomima sul come proteggersi dal sole, mi sento vivamente di augurarvi un’estate piena di mare, mare e mare. Se siamo adeguatamente protetti, andare a mare fa benissimo e anche il sole ha tanto da dare alla nostra pelle (oltre alle scottature).

Buona estate a tutti.

Un bacione,

Ele.

Annunci

7 pensieri riguardo “Sole, mare e… scottature!

  1. Ciao, il tuo articolo è molto interessante, ma mi permetto di aggiungere una cosa, visto che si parla di solari: Attenzione al Benzophenone, filtro chimico che protegge dai raggi Uva e Uvb, ma che può creare danni al nostro corpo, e sopratutto ai più piccoli. È contenuto in molti solari ma anche smalti, creme, shampoo.. Se ti interessa sul mio blog trovi l’articolo più completo. Ciao! 🙂

    Mi piace

    1. Innanzitutto grazie per la segnalazione, ultimamente sono molto attenta agli ingredienti dei prodotti che compro. Ne avevo sentito parlare, anche se non sapevo che venisse utilizzato per i solari. In ogni caso io, onde evitare, ho optato per i solari dell’Omia, senza Siliconi e Parabeni, 100% biologici. Comunque visiterò con molto piacere il tuo blog, perché amo tenermi informata al riguardo. Grazie mille. Un bacione :*

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...